140188668_1605202466329669_7719423918186

Giovedì 21 gennaio 2021 alle ore 18:30

Evento organizzato da O barra O edizioni e Tempo Ritrovato Libri

​In diretta sulla pagina Facebook di Tempo Ritrovato Libri:

Presentazione dei libri di Paolo Ferrari (Scienziato, umanista, musicista e medico psicologo)

Nel mancar del mondo (in-atto) la poesia è…
Editore: O barra O
e
In-assenza di me i pallidi pensieri
Editore: O barra O

dialogherà con l'autore:

Sonia Caporossi (scrittrice, poetessa e critica letteraria)

e con la partecipazione di:

Erika Carretta (performer)

Sinossi

In-assenza di me i pallidi pensieri

Paolo Ferrari aggiunge un ulteriore livello espressivo ai registri multipli della sua opera. La raccolta è costituita da brevi componimenti in cui si considera la dimensione oggettuale/oggettiva della natura, la realtà fenomenica colta nel suo dispiegarsi in atto. Come scrive l’autore, in questi soffi del pensare la cosa della cosiddetta realtà esiste, anche solo per un istante, mostrando la sua traccia, per lo più aleatoria, nel senso di poter cessare da un momento all’altro. S’intuisce un dato reale, oggettivo, pronto a mutare altrimenti nell’attuarsi di quel pensiero differente disposto ad accogliere la ‘cosa’ atta a generarsi in altro.
Già dal titolo l’autore dichiara il sentimento di fondo che attraversa il libro, pone due premesse singolari che aprono a un’inclinazione al di fuori del comune senso delle cose. In-assenza di me. Egli si colloca in un’assenza, in un suo mancare, come se la scrittura potesse farsi senza che qualcuno ne stabilisca il senso e l’esistenza. Lasciando che essa per proprio conto abbia da dire la sua vocazione e il suo stile e permetta che qualche cosa emerga senza la presenza del controllo e dell’attitudine d’un io che pensa e scrive.
I pallidi pensieri. Perché pallidi i pensieri? Non nella luce abbagliante ma in quella che sa cogliere l’ombra fattisi assenti, questi possono emergere al mondo, disvelando la possibilità d’un mutar lieve, ma d’eccezione, prima che la realtà imponga i suoi privilegi di sempre.


Nel mancar del mondo (in-atto) la poesia è...

Questo testo davvero insolito osa cimentarsi con una questione quasi irrisolvibile: che cosa sia la poesia, che uso se ne possa fare, se possa avere qualche scopo oppure no. Centoquaranta definizioni, brevi prose anche in stile aforistico, piccole composizioni in qualità di strofepensiero in cui l’autore esprime come il fare poetico possa diventare la fase creatrice di una cura rivolta alla specie “in eccesso infelice” qual è quella umana, spinta a sradicare i fondamenti capaci di generare il sentire e l’afflato idonei alla complessità di una società in rapido divenire.
"Paolo Ferrari insiste nella propria ricerca personale che qui tocca vette di chiarezza e distinzione tali da rendere il presente libro quasi una compiuta e perfetta dichiarazione di poetica." (Dalla prefazione di Sonia Caporossi)