LA MISTICA-MOSCA

Metamorphosis of a fly attempting to free itself from its animal condition

HOMO S

The odissey of an acephalous being walking to the discovery of a place where time has already passed.

Cinemassenza

 

 Da un progetto di Paolo Ferrari  

e Patrizia Brighi

Con Cinemassenza intendiamo presentare un genere di film o di video (immagini fluttuanti) al cui fondamento sta un’idea cara alle analisi di Deleuze, alle considerazioni e realizzazioni ad esempio di Artaud ed Eisenstein e più tardi di Pasolini e Godard, per cui l’immagine filmica, pur nel far “vedere”, mostra una sua “assenza”.

Tramite una specifica costruzione/decostruzione si fa emergere una realtà fatta di oggetti concreti e astratti (camminata acefala pluristratificata), il cui punto centrale è costituito da una sorta di “scotoma”, ricco d’energia, via privilegiata per un oltrepassamento. Con l’immissione particolare delle forme e dei contenuti, dei ritmi delle immagini pluristratificate, intersecate da cellule musicali di composizioni fatte all’uopo (talvolta anche insiemi complessi di musica e rumori a più livelli simultanei), l’osservatore-spettatore sarà indotto a un’attenzione-vigilanza particolare, capace di attivare dei livelli solitamenti “assenti” dell’apprendimento, della memoria e della condizione emozionale-affettiva, alla ricerca e alla formazione d’una diversa struttura – a-struttura – di realtà e di pensiero. Il riconoscimnto di oggetti noti viene spostato dalla consueta fissità e dislocato in un “altrove”, non mitico né esoterico. Si ipotizza l’emergenza d’un asistema linguistico ed estetico di differente origine. Esso interagirà in modo sinergico con gli apparati sensoriali, percettivi e razionali: con altri occhi, altri orecchi, altra sensibilità tattile, tramite differenti nessi cognitivi e affettivi sarà realizzato un mondo capace di differenti possibilità e intenzioni. Nel procedere delle immagini verrà recepita una freccia del tempo e del senso non unidirezionale; un andirivieni tra l’essere e il mancare, il sovrapporsi e il sottrarsi, secondo vie di fuga o di ritorno, centripete o centrifughe, talvolta dinamiche che saranno rivolte all’interno, verso una profondità astratta, dal segno meno, ricca di una particolare energia pronta a sostenere il filo della narrazione che può in tal modo generarsi “vuota”, sufficientemente “manchevole”, poggiata al suo asistema complesso.

PENSAREASSENTE/CORPASSENTE

da un progetto di Cinemassenza di

Patrizia Brighi e Paolo Ferrari -

Musica in-assenza di Paolo Ferrari -

pf Carlo Balzaretti -

SCULTURA NON-LA-VITA

da un progetto di Cinemassenza di

Patrizia Brighi e Paolo FerrarI

SCABROSA ILLUMINAZIONE/ SCABROUS ILLUMINATION

An ocean, a suspended abstract element on the horizon, a sculptor, an african sculpture transfigured within that horizon transmuting itself as well

© 2017 by Centro Studi Assenza. Up to date 05/10/2017